CHIESE E MONUMENTI

Per parlare di arte ecclesiastica e non annoiarvi troppo, abbiamo pensato di proporvi 5 meravigliose chiese, una per comune, con la speranza che vi venga voglia di visitarle tutte: partite con noi in questo immaginario giro e rendetelo reale appena potrete!
Si parte di nuovo da Castelli e si guarda verso il cielo. O meglio, verso il soffitto della piccola chiesa di San Donato, poco distante dall’abitato principale. Cosa aggiungere alle parole del celebre Carlo Levi (sì, proprio quello di Cristo si è fermato a Eboli) che, nel 1963, la definì la “Cappella Sistina della maiolica”?

Leggi Tutto

Nulla, perché aveva ampiamente ragione, uno sguardo e si è subito conquistati… e tenete presente che il soffitto attuale è una copia dell’originale, che è esposto presso il locale museo, al fine di preservarlo dalle ingiurie del tempo. Il nostro consiglio è di visitare entrambi, anche qui, non appena sarà possibile, e fare un confronto immaginario, siamo certi che non resterete delusi.
Per quanto riguarda le motivazioni della realizzazione di un’opera così pregevole, pare che l’intero soffitto sia un Ex-voto alla Madonna del Rosario da parte di tutti i cittadini e tutte le botteghe artigiane del paese, i soggetti sono vite di Santi, animali apotropaici, motivi floreali e geometrici. 800 mattonelle per uno spettacolo unico, davvero non avete già messo in moto le auto per raggiungerlo?

 

Scendiamo sulla provinciale 491, l’anello meraviglioso della nostra Valle, costeggiamo il fiume Mavone e troveremo San Giovanni ad Insulam (o Ad Mavonis, a scelta vostra), su una collinetta nei pressi di un paio di incroci importanti, proprio sopra un comodo parcheggio per lasciare le auto.
L’edificio religioso apparteneva alla struttura abbaziale connessa, della quale restano suggestive tracce di mura ed archi, la chiesa si eleva sulla Cripta, visitabile, ed è stata probabilmente costruita in tempi diversi dal 1000 circa in poi.

 

La facciata è decorata da splendidi bassorilievi di animali fantastici, la vista sulle montagne è quasi fiabesca, l’altarino in pietra della cripta proietta le anime più fantasiose nel preludio di un romanzo gotico inglese.
Non vi resta che lasciarvi affascinare da questa narrazione di pietra, ricordando che è stata anche set di numerosi matrimoni di persone illustri, conquistate dal panorama, ultimo dei quali un certo Jarno Trulli, pilota di Formula 1 e fiero conterraneo.

 

Continuando lungo il corso del fiume e sulla stessa strada, dopo pochi km, sulla destra, seguendo l’indicazione Ronzano vi imbatterete in una delle chiese più belle d’Abruzzo e, conseguentemente, del mondo (sì, stiamo facendo un po’ gli spacconi, perdonateci), Santa Maria di Ronzano.
Solo per la vista sulle montagne ed il bellissimo prato antistante, capiamo perché gli Acquaviva (quelli che hanno in pratica costruito Atri e Giulianova) l’avessero acquistata, come dominio personale del Conte di Atri, intorno al 1669… mica fessi!
L’edificio, imponente ed austero nella sua manifesta romanicità, era certamente annesso ad una abbazia, la prova è che il 15 agosto continua a tenersi, nel prato antistante, una fiera ormai quasi millenaria, com’era d’uopo nel medioevo, gli affari si facevano all’ombra delle chiese.

 

Anche qui le giovani coppie vengono a sposarsi, per la bellezza (e la frescura) degli interni e per le foto da poter fare all’uscita, anche i genitori dello scrivente hanno coronato il loro sogno d’amore lì.
Ma se non siete innamorati/e, venite lo stesso a guardare l’assolata facciata della chiesa, perché siamo certi che lo diventerete immediatamente dopo!

Visit Gran Sasso - Chiese e Musei (1)

Chiesa di San Giorgio

Visit Gran Sasso - Chiese e Musei (1)

Chiesa di Sant’Antonio Abate

Visit Gran Sasso - Chiese e Musei (2)

Chiesa di San Donato

Visit Gran Sasso - Chiese e Musei (2)

Chiesa di San Giorgio

Visit Gran Sasso - Chiese e Musei (3)

Chiesa di San Donato

Saltiamo ora nel comune di Colledara, sempre restando sulla 491, presso la frazione di Ornano Grande, a lungo contesa con la vicina Tossicia e rechiamoci nella chiesa di San Giorgio.

Imponenti mura di pietra liscia la fanno apparire quasi come un edificio fortificato, ma la connessa casa parrocchiale che cinge un bellissimo ed accogliente prato ci fanno capire che anche questa doveva essere, con tutta probabilità, attigua ad un piccolo monastero.

All’interno la statua di San Giorgio sauroctono ci ammonisce col suo rigido ed inflessibile augurio che il male non vince mai, se abbiamo il coraggio di lottare contro di esso con coraggio, messaggio che vale egualmente per coloro che credono e che non credono.

La chiesa è immersa nell’abitato, proprio all’incrocio della strada che ci porterebbe verso Forca di Valle e Cerchiara, quindi era certamente un sicuro luogo di ristoro per i pastori che scendevano a valle in autunno, nel viaggio mitico idealizzato dai versi del d’Annunzio.

Leggi Tutto

Chiudiamo il nostro tour immaginario scendendo nella deliziosa Tossicia, la nostra Antica Capitale, per parlare del portale della chiesa di Sant’Antonio Abate. Come saprete, è considerato uno dei portali più belli dell’intera provincia di Teramo, eretto nel 1421 da Andrea Lombardo, di cui si legge in una iscrizione proprio a sinistra della colonna laterale del portale.

 

I motivi floreali ed a foglia di quercia nascondono animali domestici partorienti e l’immancabile principe di tutte le fattorie abruzzesi, il maiale. Veglia su tutto la statua del Santo Anacoreta, proprio sotto lo sguardo di Dio Padre sulla chiave di volta e sopra le facce dei dannati di uno stranissimo ed inquietante Inferno, con forse il volto di Satana stesso. Assieme al santo, sui lati, l’Arcangelo Gabriele e la Madonna, in una commovente versione dell’Ecce ancilla Domini ci ricordano il frutto delle scelte individuali.

 

Più che una chiesa, una testimonianza notevole dell’immensa forza della narrazione per immagini, una Bibbia dei semplici, quasi un cinema ante-litteram. E tutto restando nei pressi della 491, non ci stancheremo mai di ripeterlo, l’anello che ci fa forti, che rende la nostra Valle un diorama di storie da raccontare ed un caleidoscopio di amiche ed amici che ancora non conoscete, ma che già vi aspettano!

Visit Gran Sasso - Chiese e Musei (3)

Chiesa di Sant’Antonio Abate

Visit Gran Sasso - Chiese e Musei (4)

Chiesa di San Giovanni ad Insulam

Visit Gran Sasso - Chiese e Musei (4)

Chiesa di San Giovanni ad Insulam

Visit Gran Sasso - Chiese e Musei (5)

Chiesa di Santa Maria di Ronzano

Visit Gran Sasso - Chiese e Musei (6)

Chiesa di Santa Maria di Ronzano

Possibilità di avvalersi di una guida artistica per:
Chiesa di Santa Maria di Ronzano 320.0792472 | Chiesa di San Donato 335.6565612 | Chiesa San Giovanni ad Insulam 329.7925794